Chiamaci
02 3823 8784
Orari
lun-ven: 9:00-19:30
sab: 9:00-13:00

Consigli per “il mal di viaggio”

Vacanze ormai alle porte per la maggior parte degli italiani. Ma per non soffrire del famoso “mal di viaggio”, quali sono i consigli da seguire?

La cinetosi, o disturbo da movimento, è causata dalla costante ed energica sollecitazione delle strutture dell’orecchio interno adibite all’equilibrio – spiega Atzori all’Adnkronos Salute – Generalmente i sintomi sono sudorazione fredda, nausea, conati e vomito, pallore, mal di testa, vertigini, aerofagia, astenia, bradicardia, diminuzione della pressione, sonnolenza, diarrea, intensa salivazione, abbondante minzione e successiva disidratazione”.

Ecco i suoi consigli.

1) Evitare di mangiare o se possibile assumere quantità ridotte di cibo di facile digestione.

2) Evitare di bere bibite.

3) Evitare il fumo e gli ambienti caldi. Se possibile avere l’accesso all’aria fresca (creare ventilazione aprendo i finestrini dell’auto).

4) Evitare di leggere riviste e di usare sistemi mobili (tablet, smartphone, ecc.).

5) Ridurre al minimo i movimenti del corpo, del collo e della testa.

6) Se possibile bisogna non guardare punti in movimento (ad esempio, le onde).

7) Stazionare nel luogo del mezzo di trasporto al baricentro (nei posti dell’aereo in prossimità delle ali, o nella parte centrale e bassa della nave).

8) Cercare di ridurre lo stato d’ansia o di inquietudine. Si può ridurre ansia e agitazione con tecniche di rilassamento muscolare e con tecniche yoga che possono essere ideali anche per il ritorno in ufficio. Potete imparare come fare nel nostro centro. Chiamate per info!

Oltre a questi accorgimenti, che riducono i disturbi da movimento, poco prima del viaggio può essere utile assumere, masticandola bene, qualche sottile fettina di zenzero fresco. Questa radice contiene delle particolari sostanze (gingeroli) in grado di neutralizzare il senso di nausea in quanto stimolano la digestione e quindi lo svuotamento gastrico. In fitoterapia per prevenire la cinetosi spesso si consiglia anche l’uso del Cocculus indicus, del Tabacum, della Menta.

 

Fonte: adnkronos

Call Now ButtonChiama ora